Ricerche recenti
Cancella

Attrazioni di Romania

Categoria

Palazzo del Parlamento (Palatul Parlamentului)
star-5
1531
51 tour e attività

Se sei a Bucarest, è impossibile perdere il Palazzo del Parlamento. Il massiccio edificio, che domina il paesaggio della città, si estende per circa 237.097 metri quadrati e contiene più di 1.000 stanze. Costruito sotto la dittatura di Nicolae Ceauşescu, è oggi una delle attrazioni turistiche più famose di Bucarest.

Scopri di più
Chiesa Nera (Biserica Neagra)
star-5
1455
3 tour e attività

Il punto di riferimento più famoso di Brasov, la monumentale Chiesa Nera (Biserica Neagra) domina la Piazza del Consiglio (Piata Sfatului) e il centro storico di Brasov. Risalente alla fine del XIV secolo, la più grande chiesa gotica tra Vienna e Istanbul prende il nome dal grande incendio del 1689, che danneggiò la chiesa e gran parte della città.

Scopri di più
Ateneo rumeno (Ateneul Roman)
star-5
1383
21 tour e attività

Probabilmente l'edificio più bello di Bucarest, l'Ateneo rumeno (Ateneul Rôman) è la sala da concerto più importante della città e una fonte di orgoglio nazionale, con un'elegante facciata a colonnato dorico sormontato da un frontone e una cupola. Fu progettato in stile neoclassico dall'architetto francese Albert Galleron e inaugurato nel 1888 con grande successo; il grande direttore d'orchestra rumeno George Enescu ha debuttato qui il suo "Poema rumeno" nel 1898. L'atrio della sala da concerto è un opulento trionfo di dorature ornamentali, quasi Art Nouveau, sostenuto da colonne ad arco in marmo rosa che conducono a una serie di scale tortuose in marmo che conduce alla sala da concerto. L'auditorium circolare può ospitare 652 persone sotto un favoloso soffitto a cupola riccamente decorato in scarlatto e oro e orlato da affreschi di Costin Petrescu raffiguranti eventi importanti della storia rumena; è famoso in tutto il mondo per la chiarezza della sua acustica ed è sede della George Enescu Philharmonic Orchestra, che offre un programma completo di concerti classici e da camera, oltre ad esibirsi nel celebre George Enescu Classical Festival, uno dei più grandi eventi culturali in Europa orientale.

Scopri di più
Arcul de Triumf (Arco di Trionfo)
star-5
1181
10 tour e attività

Costruito per la prima volta nel 1878 come monumento in legno per celebrare l'indipendenza della Romania, l'Arco di Trionfo (Arco di Trionfo) di Bucarest è stato a lungo uno dei monumenti più memorabili della città. Sebbene ricostruito di nuovo dopo la prima guerra mondiale, l'attuale Arco di Trionfo è opera dell'architetto Petru Antonesc, ricostruito in granito nel 1936 e decorato con sculture di artisti rumeni come Constantin Medrea, Constantin Baraschi e Ion Jalea.

Con i suoi 27 metri all'incrocio tra la strada Kiseleff, il viale Mareșal Alexandru e la via Alexandru Constantinescu, l'arco monumentale ora segna l'ingresso al Parco Herăstrău di Bucarest. Ancora un toccante promemoria dell'indipendenza della Romania, è il sito delle parate militari e delle celebrazioni per la Giornata nazionale della Romania (1 dicembre), e una scala interna consente anche ai visitatori di salire in cima, guardando i viali trafficati sottostanti.

Scopri di più
Palazzo dell'Università di Bucarest
star-5
291
7 tour e attività

Fondata nel 1864 dal principe Alexander John Cuza, che governava i Principati uniti rumeni di Valacchia e Moldova, l'Università di Bucarest si trova sulla Piata Universitatii, una piazza animata dal traffico e popolare tra i locali di Bucarest come luogo di incontro. L'imponente facciata neoclassica del Palazzo dell'Università di Bucarest si trova nell'angolo nord-occidentale della piazza; fu progettato dall'architetto Alexandru Orascu e completato nel 1859.

Oggi l'università ha cinque facoltà ed è una delle più grandi e prestigiose della Romania. Gli ex-alunni includono il drammaturgo Eugène Ionesco, il biologo George E. Palade e il filosofo Emil Cioran.

All'esterno del Palazzo dell'Università si trovano quattro statue monumentali di figure cardine della storia rumena, nonché numerose bancarelle che vendono libri di seconda mano. La stessa Piata Universitatii è circondata da un miscuglio di edifici architettonicamente diversi, tra cui il Teatro Nazionale di Bucarest, la Scuola di Architettura, il modernista Hotel InterContinental e l'elaborata bellezza neoclassica dell'Ospedale Coltea, il più antico della città. Un memoriale di dieci croci di pietra si trova al centro della piazza in omaggio ai ribelli morti nella rivoluzione del 1989, che ha visto la caduta del dispotico presidente Ceaușescu e ha portato alla fine della dominazione sovietica in Romania.

Scopri di più
Gola della Turda (Cheile Turzii)
star-5
73

Con le sue imponenti scogliere calcaree che incombono a 300 metri sulla valle del fiume sottostante e la gola stessa costellata di grotte, ruscelli gorgoglianti e sentieri rocciosi, la gola del Turda (Cheile Turzii) offre uno sfondo drammatico per un'avventura all'aria aperta. L'area protetta è rinomata anche per la sua ricca fauna selvatica, con oltre 60 specie di uccelli e 1.000 varietà di piante presenti nella gola.

A breve distanza in auto da Cluj-Napoca, la gola del Turda è una popolare fuga dalla città, con ampie opportunità per escursioni a piedi, in mountain bike e arrampicata, tra cui una via ferrata e un sentiero escursionistico da due a 2,5 ore che corre lungo la gola. Un altro punto forte della gola è la vicina Salina Turda, un'ex miniera di sale trasformata in un'attrazione turistica unica, completa di gite in barca sotterranee e una ruota panoramica.

Scopri di più
Memoriale dell'Olocausto
star-5
50
2 tour e attività

Infine, inaugurato nel 2009 dopo una lunga (e alquanto controversa) attesa, il Memoriale dell'Olocausto di Bucarest funge da forte ricordo delle migliaia di ebrei rumeni colpiti dall'Olocausto. Il memoriale ha un grande significato non solo per la comunità ebraica rumena, ma come simbolo che il paese riconosce il suo ruolo negli eventi (un fatto spesso negato dal governo comunista del dopoguerra).

Il memoriale stesso è un monumento semplice ma commovente, progettato dall'artista Peter Jacobi e con una targa dedicata ai circa 280.000 ebrei e 25.000 rom che hanno perso la vita durante l'Olocausto. Il memoriale comprende una "Colonna della Memoria", intarsiata con la parola ebraica "Ricorda", e una ruota Rom, dedicata al popolo Rom.

Scopri di più
Piazza della Rivoluzione (Piata Revolutiei)
star-5
1203
46 tour e attività

Al centro della città vecchia di Bucarest, Piazza della Rivoluzione (Piata Revolutiei) si trova lungo il viale centrale di Via Victoriei ed è stata a lungo in prima linea negli eventi storici della città. Originariamente chiamata Piazza del Palazzo (Piața Palatului), Piazza della Rivoluzione ha guadagnato il suo attuale soprannome dopo la Rivoluzione rumena nel 1989 e rimane uno dei principali punti di riferimento e snodi di navigazione della città.

Per i visitatori per la prima volta, la grande piazza è innegabilmente impressionante, incorniciata da edifici decorati e coronata dall'imponente Memoriale della Rinascita, un pilastro di marmo alto 25 metri eretto al centro della piazza, in memoria delle vittime della Rivoluzione . Altri importanti monumenti della piazza includono il neoclassico Palazzo Reale, oggi sede del Museo Nazionale d'Arte; l'Ateneo rumeno, una sala da concerto a cupola risalente al XIX secolo; e l'ex quartier generale del Partito Comunista Rumeno, dove Nicolae Ceausescu notoriamente si rivolse alla folla per l'ultima volta, prima di fuggire in elicottero. Anche intorno a Piazza della Rivoluzione si trovano la biblioteca dell'Università, il vasto Palazzo del Parlamento e le statue di Iuliu Maniu e Carol I della Romania.

Scopri di più
Museo Nazionale d'Arte della Romania (Muzeul National de Arta al Romaniei)
star-5
58
4 tour e attività

Ospitato nel maestoso ex Palazzo Reale, che si trova sulla Piazza della Rivoluzione e risale al 1812, il Museo Nazionale d'Arte della Romania (Muzeul National de Arta al Romaniei) ha aperto nel 1947; è stato successivamente gravemente danneggiato durante la rivoluzione rumena del 1989, che ha visto la caduta e la morte del despota comunista Nicolae Ceaușescu. Il museo ha riaperto completamente nel 2005, esponendo tre importanti collezioni distribuite su tre piani del palazzo, ed è ora considerato la principale galleria d'arte della Romania.

Le gallerie di dipinti e sculture europee includono possenti tesori degli antichi maestri della collezione privata del re Carlo I - artisti del calibro di Rembrandt, Rubens, El Greco e gli impressionisti - mentre le collezioni medievali rumene presentano scintillanti icone d'argento, manoscritti rari e sculture in pietra nel Lapidarium, rinvenuto nelle cantine restaurate del palazzo. Le gallerie rumene moderne sono piene zeppe di opere come le sculture moderniste di Constantin Brancuşi, il più noto degli artisti rumeni del XX secolo.

Una selezione in continua evoluzione di mostre temporanee mette in luce il meglio dell'arte rumena contemporanea, dalle installazioni alla fotografia, ai disegni e alle stampe. Il museo è attualmente in procinto di restituire opere d'arte rubate a cittadini rumeni alla fine degli anni '40 dell'era sovietica e sono ora disponibili visite guidate ai sontuosi appartamenti reali del palazzo, al costo di 20 lei.

Scopri di più
Porta di Caterina (Poarta Ecaterinei)
star-5
190

La Porta di Caterina (Poarta Ecaterinei) è tecnicamente l'ultima struttura medievale rimasta di Brașov, sebbene la torre centrale sia l'unica caratteristica originale. Costruita dai coloni sassoni nel 1559, poi utilizzata come deposito durante il XIX e il XX secolo, la porta fornisce informazioni sulla complessa storia della Romania e oggi funge da importante simbolo della città.

Scopri di più

Altre attività a Romania

Piazza del Consiglio (Piata Sfatului)

Piazza del Consiglio (Piata Sfatului)

star-5
1119
1 tour e attività

Situata nel cuore della vecchia Brasov, la Piazza del Consiglio*(Piata Sfatului)* è fiancheggiata da splendidi edifici gotici, barocchi e rinascimentali. Sede di numerosi punti di riferimento chiave, la piazza principale di Brasov è stata un punto focale della vita della città sin dal medioevo. È un luogo di ritrovo popolare e un ottimo posto per immergersi nel paesaggio.

Scopri di più
Via Victoriei (Calea Victoriei)

Via Victoriei (Calea Victoriei)

star-5
688
32 tour e attività

Percorrendo quasi 3 km nel cuore del centro di Bucarest, Victoriei Street (Calea Victoriei) è l'arteria principale della capitale e l'ovvio punto di partenza per un tour a piedi. Allestito per la prima volta nel XVI secolo, lo storico viale è uno dei più antichi della città ed è fiancheggiato da monumenti architettonici, palazzi, musei e hotel esclusivi.

Inizia dal centro commerciale di Piata Victoriei, con le sue moderne torri di uffici, e dirigiti a sud lungo Victoriei Street, passando per edifici notevoli come il Palazzo Cantacuzino, sede del Museo Nazionale George Enescu; la sala concerti Ateneo; il Palazzo CEC e il Palazzo del Circolo Militare Nazionale. Assicurati di fermarti alla famosa Piazza della Rivoluzione, circondata da monumenti imponenti, e al Museo di storia nazionale, prima di arrivare sulle rive del fiume Dambovita. Oltre ad essere un punto privilegiato per i fotografi, la strada è piena di negozi, ristoranti e caffè, offrendo ampie opportunità per una pausa turistica.

In alternativa, a nord di Piata Victoriei, la via Victoriei diventa Șoseaua Kiseleff e conduce attraverso il Parco Kiseleff all'Arcul de Triumf e all'enorme Parco Herăstrău (a circa 2 km da Piata Victoriei).

Scopri di più
Museo nazionale del villaggio (Muzeul Satului)

Museo nazionale del villaggio (Muzeul Satului)

star-5
181
39 tour e attività

Il museo all'aperto più importante dell'Europa orientale è stato inaugurato nel 1936 e presenta una collezione di oltre 60 edifici rurali storici provenienti da tutta la Romania e di epoche diverse, tutti accuratamente riassemblati in 15 ettari di parco sulle rive del lago Herăstrău a Bucarest. Con fattorie, chiese, mulini a vento, cottage in legno, stalle per mucche e macchinari agricoli provenienti da distretti remoti come Moldavia, Hunedoara e Transilvania, ogni edificio del Museo Nazionale del Villaggio (Muzeul Satului) è accuratamente etichettato con la sua esatta provenienza geografica e culturale e accompagnato da un commento multilingue sul suo uso originale, costruendo un quadro accurato della vita di villaggio rustico in una Romania prima dell'avvento del comunismo. I punti salienti includono le case di terra di Straja e le case con le imposte dipinte allegramente di Tulcea, così come il campanile di 35 metri (115 piedi) della chiesa di legno di Maramureş, abbellito con icone sbiadite al suo interno. Facendo una giornata meravigliosamente adatta alle famiglie, il museo ha un negozio di souvenir, una gamma di opzioni per mangiare, dalle bancarelle che vendono caramelle a un ristorante in una locanda del XIX secolo, e mostre regolari di artigianato tradizionale come la tessitura e la vinificazione.

Scopri di più
Monastero di Stavropoleos (Manastirea Stavropoleos)

Monastero di Stavropoleos (Manastirea Stavropoleos)

star-5
368
5 tour e attività

Il grazioso piccolo monastero di Stavropoleos (Manastirea Stavropoleos) nacque nel 1724 come monastero e locanda ortodossi, commissionato dal monaco greco Ioanichie Stratonikeas. Ha un esterno ornato adornato con affreschi a motivi geometrici, un portale colonnato, elaborate porte d'ingresso in legno intagliato e diverse piccole torri sormontate da cupole piastrellate. All'interno della sua chiesa, ogni centimetro è abbondantemente soffocato con affreschi raffiguranti scene bibliche e il paravento dorato dell'altare è adornato con immagini simili a gioielli di Maria, Gesù e un gruppo di santi.

Oggi la locanda, che era utilizzata per finanziare la costruzione del monastero, è scomparsa da tempo, ma la graziosa chiesa di Stavropoleos è sopravvissuta a diversi terremoti ed è stata restaurata all'inizio degli anni '10. Ammassato tra le abbondanti case a schiera in stile Liberty di Bucarest ai margini del centro storico amante delle feste, è una piacevole tregua dagli eccessi della città, con un delizioso chiostro pieno di tombe del XVIII secolo. Una piccola comunità di monache e monaci vive ancora lì, e ci sono diversi servizi cantati tenuti ogni giorno insieme a regolari concerti di musica bizantina; la chiesa ha anche la più grande collezione della Romania di rari spartiti musicali bizantini nella sua biblioteca di oltre 10.000 libri. Altri punti salienti di una visita includono icone riunite da tutta la Romania e frammenti di affreschi originali che sono stati sostituiti durante la ristrutturazione.

Scopri di più
Lago Balea (Lacul Balea)

Lago Balea (Lacul Balea)

star-5
98

Il lago Bâlea (Lacul Bâlea) è un lago glaciale nelle montagne Fagaras della Romania. Situato a più di 2.000 metri di altezza, è uno dei laghi più popolari della Romania. La maggior parte dei visitatori è attratta dal lago per il paesaggio e le splendide viste durante il viaggio; l'acqua è tipicamente troppo fredda per nuotare. Due chalet sono aperti tutto l'anno vicino al lago, ma è più facilmente accessibile nei mesi estivi. In inverno, i visitatori devono prendere la funivia dallo chalet vicino alla cascata Balea per arrivarci. Nel 2006, il primo hotel di ghiaccio nell'Europa orientale è stato costruito nelle vicinanze utilizzando blocchi di ghiaccio estratti dal lago ghiacciato.

Scopri di più
Piata Mare (Piazza Grande)

Piata Mare (Piazza Grande)

star-5
122

Con una larghezza di oltre 140 metri, la Piata Mare (Piazza Grande) di Sibiu è giustamente chiamata e per i visitatori, l'enorme piazza pedonale è un punto di partenza strategico per un tour della città. Piata Mare, insieme alle vicine Piata Mica e Piata Huet, costituisce il fulcro principale del centro storico di Sibiu ed è sede di alcune delle architetture più imponenti del distretto.

Quasi ovunque ti giri nella piazza, ti troverai di fronte a monumenti storici. All'estremità nord della piazza si trovano la Turnul Statului (Torre del Consiglio), la Chiesa della Santissima Trinità e il municipio dei primi del XX secolo, accanto al quale si trova l'ufficio informazioni turistiche. A ovest si trova il Museo Brukenthal e la Galleria d'arte rumena, mentre i lati sud ed est ospitano edifici notevoli come la Casa Generalilor e la Casa Hecht del XV secolo; la romanica Casa Haller, oggi sede dell'Haller Café; e la cinquecentesca Casa Weidner, oggi albergo.

Risalente a prima del XV secolo, Piata Mare è stata a lungo il punto focale della vita locale, ospitando di tutto, dalle riunioni cittadine e dai mercati alle esecuzioni capitali. Oggi è un brulicante di vita giorno e notte, con un'infarinatura di caffè e ristoranti che circondano la piazza ed eventi stagionali come un mercatino di Natale e una fiera estiva che si tengono lì durante tutto l'anno.

Scopri di più
Palazzo CEC (Palatul CEC)

Palazzo CEC (Palatul CEC)

star-5
422
3 tour e attività

Costruito alla fine del 1890 e inaugurato all'inizio del XX secolo su uno dei viali principali di Bucarest, il Palazzo CEC (Palatul CEC) è stato progettato dall'architetto francese Paul Gottereau e la costruzione di questo capolavoro di Belle Arti è stata supervisionata dall'architetto rumeno Ion Socolescu. Designato per essere il quartier generale della più antica cassa di risparmio della Romania, Casa de Economii și Consemnațiuni (CEC) e situato di fronte al Museo di Storia Nazionale della Romania, è un palazzo monumentale sormontato da cinque cupole; quella centrale sovrasta il grandioso ingresso colonnato ed è realizzata in vetro e acciaio. Il palazzo è destinato alla trasformazione in museo d'arte ed è stato venduto al consiglio comunale per oltre 17,75 milioni di euro nel 2006; mentre i piani vengono elaborati, la Banca CEC lo prende in affitto dal consiglio, ma il suo sontuoso interno rivestito in marmo - gran parte del quale era coperto ai tempi di Ceaușescu - non è più aperto al pubblico.

Scopri di più
Monastero di Snagov (Manastirea Snagov)

Monastero di Snagov (Manastirea Snagov)

star-5
127
31 tour e attività

Fondato alla fine del XIV secolo, il monastero di Snagov (Manastirea Snagov) si trova su un isolotto nel lago Snagov, solo un paio di chilometri a nord del villaggio con lo stesso nome. Il monastero è meglio conosciuto come il luogo di sepoltura di Vlad l'Impalatore, che ha fornito l'ispirazione per l'immaginario Dracula. Tuttavia, l'isola un tempo ospitava anche l'impianto di conio delle monete del principato medievale di Valacchia ed era considerata una delle più importanti tipografie dell'Europa sud-orientale tra la fine del XVII e l'inizio del XVIII secolo.

Indipendentemente dal fatto che alla fine si fermasse o meno al monastero, Vlad l'Impalatore era fortemente connesso ad esso, costruendo fortificazioni intorno al monastero nel XV secolo, così come un campanile, una nuova chiesa, un ponte sulla terraferma e una prigione e Camera di tortura. I resti della prigione sono ancora visibili dietro l'attuale chiesa e all'interno della chiesa sono visibili affreschi di quell'epoca. La presunta tomba di Vlad si trova all'interno della chiesa sul retro.

Scopri di più
Rope Street (Strada Sforii)

Rope Street (Strada Sforii)

star-5
216
2 tour e attività

Reputata la strada più stretta d'Europa e certamente la più stretta in Romania, Rope Street (Strada Sforii) collega Cerbului con Poarta Schei nel centro storico di Braşov. È lungo 80 metri e largo appena 1,10-1,35 metri, rendendo quasi impossibile il passaggio di due persone. Ha le sue origini intorno agli inizi del XVII secolo e potrebbe essere stato costruito per l'accesso dei vigili del fuoco nel centro storico. Ristrutturata nel 2003, Strada Sforii è segnalata da entrambi i lati e reca una targa che ne dichiara le dimensioni; è un posto fotografico preferito per i viaggiatori in città.

Scopri di più
Castello di Bran (Castello di Dracula)

Castello di Bran (Castello di Dracula)

star-5
4773
103 tour e attività

Seduto in cima a una scogliera di 61 metri nel mezzo della Transilvania, il Castello di Bran è circondato da un'aura di mistero legata sia al mito del conte Dracula di Bram Stoker che al famigerato Vlad Tepes, noto anche come Vlad l'Impalatore, che si dice abbia fatto del Castello di Bran la sua casa. Uno dei castelli più famosi al mondo, il Castello di Bran oggi è un museo dedicato alla regina Maria di Romania.

Scopri di più
Bridge of Lies (Podul Minciunilor)

Bridge of Lies (Podul Minciunilor)

star-5
93
1 tour e attività

Incorniciato da lampioni vecchio stile e fiancheggiato da fiori colorati, la passerella di ferro che corre tra Piata Mica e Piata Huet è un luogo romantico, con vista sulla strada Ocnei sottostante. Ma se credi alla leggenda locale, il famoso "Bridge of Lies (Podul Minciunilor)" di Sibiu è molto più di una bella opportunità fotografica. Costruito per la prima volta come una passerella in legno circa 200 anni fa, il ponte ha guadagnato il suo nome minaccioso grazie al mito locale, secondo il quale il ponte ha "orecchie" e poteri magici. Si diceva che il ponte rivelasse bugiardi e imbroglioni, scricchiolando e rabbrividendo quando venivano raccontate bugie in città, e sarebbe crollato se un bugiardo avesse tentato di attraversarlo.

Il ponte di ferro che si trova oggi è stato costruito per sostituire il suo predecessore nel 1859, ma la leggenda rimane ed è spesso citato come esempio ai ragazzi del posto sull'importanza di dire la verità. Il Ponte delle Bugie è ora diventato un importante simbolo di Sibiu e rende una destinazione popolare per i turisti, ma se hai intenzione di attraversare il ponte, probabilmente è meglio guardare quello che dici ... per ogni evenienza!

Scopri di più
Palazzo Mogosoaia

Palazzo Mogosoaia

star-5
70
3 tour e attività

Chiamato anche Palazzo Brancovan, il Palazzo Mogosoaia fu costruito alla fine del XVII secolo da Constantin Brancoveanu. L'edificio combina elementi dell'architettura veneziana e ottomana, creando uno stile spesso denominato "Brancovenesc". Situato a soli 10 chilometri da Bucarest nel villaggio di Mogosoaia, è un museo dal 1957 ed è uno dei siti turistici più importanti della zona. Il palazzo fa parte di un vasto complesso che comprende una foresteria, una torre di guardia, una cucina, una volta, una ghiacciaia, una serra, una chiesa e splendidi giardini.

Oggi, i visitatori possono visitare parti del palazzo o visitare un museo con arte in stile Brancoveanu. Anche nel palazzo vengono spesso allestite mostre di dipinti o tessuti.

Scopri di più
Castello Poenari (Cetatea Poenari)

Castello Poenari (Cetatea Poenari)

star-5
125
40 tour e attività

Seduto su una scogliera di montagna che si affaccia sul fiume Arges, il castello di Poenari (Cetatea Poenari) è meglio conosciuto per il suo legame con Vlad l'Impalatore, che si dice sia l'ispirazione per l'immaginario Dracula. Ora parzialmente in rovina, il castello fu costruito per la prima volta nel XIII secolo e passò sotto il controllo di Vlad l'Impalatore nel XV secolo. La leggenda narra che la prima moglie di Vlad si suicidò piuttosto che essere presa in ostaggio dai turchi ottomani. Presumibilmente si è gettata da una delle mura del castello nel fiume sottostante, facendo diventare l'acqua rossa. Il fiume è ora indicato come il fiume della signora.

Il castello fu infine abbandonato e un terremoto nel XIX secolo distrusse la parte settentrionale. Rimase in rovina fino al 1970, quando il governo rumeno decise di aprirlo ai turisti, costruendo più di 1400 gradini nella roccia della montagna per consentire ai visitatori di salire al castello. Sono stati installati anche passaggi pedonali e corrimano per consentire un più facile spostamento tra le rovine.

Scopri di più
Pasajul Macca-Vilacrosse (Passaggio Macca-Villacrosse)

Pasajul Macca-Vilacrosse (Passaggio Macca-Villacrosse)

star-5
102
1 tour e attività

Il Pasajul Macca-Vilacrosse (Passaggio Macca-Villacrosse) è una strada porticata a forma di forcella nel centro di Bucarest. Coperto di vetro giallo per far filtrare la luce naturale, il passaggio fu costruito alla fine del XIX secolo per collegare la Calea Victoriei e la Banca Nazionale. Oggi, il lato Macca del passaggio si apre su Calea Victoriei, uno dei viali principali di Bucarest, mentre il lato Villacrosse si apre sulla Banca Nazionale e Strada Eugeniu Carada. Il passaggio ha un aspetto francese ed è simile ad altri passaggi coperti costruiti a Milano e Parigi nello stesso periodo. Durante il periodo comunista, era noto come il Passaggio dei gioielli a causa della presenza delle più grandi gioiellerie della città, ma il nome originale fu ripristinato nel 1990.

Oggi il passaggio ospita ancora alcune gioiellerie, ma ospita anche diversi ristoranti, caffè, boutique e bar con narghilè.

Scopri di più

icon_solid_phone
Prenota online o chiama
+39 22 331 2036
+39 22 331 2036